“Musica per adulti”

MOOSTROO
“Musica per adulti”
(hashtag. dischi)

Data di uscita: 14 novembre 2016
Press-kit: comunicato + foto

moostroomusicaIl MOOSTROO è un essere carnale colmo di sentimenti. Lo era già in passato. Oggi si espone trafitto dall’eros. Il suo amore è dentro le sue viscere da MOOSTROO, la sua mostruosità arde di erotismo. E questo amore il MOOSTROO lo canta, lo canta per esorcizzarsi, perché tutto il resto è rigurgito del male del mondo. E’ “Musica per adulti”, perché l’amore ha una natura talmente complessa che solo gli adulti riescono ulteriormente a complicarlo.
Si intitola così il nuovo disco del Mostruosus Trio, a due anni dall’omonimo esordio, con in tanti concerti accumulati sulle spalle e la volontà di fare evolvere un suono oggi più che mai abrasivo e in tensione.

Energica, quadrata e scolpita con dedizione, la “Musica per adulti” equilibra i tre strumenti in modo minimale, dinamico e vibrante con profondi scatti di nervi. Il basso è a fondamento e sa cantare, la chitarra ha un colore sporco ma ancor più robusto e urticante (pur rimanendo classica), mentre la batteria essenziale è dotata di groove e suona poderosa. Tutto è riassumibile in tre parole: gravità, distorsione e intensità. Ovvero un’incessante e amorosa palpitazione cardiaca con pochi scampoli di quiete.


“Dammi tutto l’amore / quello per cui si muore / nella gioia e nel dolore” cantano in “Ostinato amore” e potremmo considerare questi i versi programmatici di un disco che dell’amore canta tutto e il contrario di tutto, travolgendo e stravolgendo gli stereotipi. I testi, scarni e diretti, sono sensuali e poetici, procedono con un’andatura intenzionalmente ricorsiva e carica di parole di senso, inquiete, magari crudeli, ma catartiche. Una catarsi che è la vitale e inaspettata contraddizione dell’amore, come se Eros bestemmiasse tutti i santi, Beatrice si ubriacasse di retzina e la donna vampiro proteggesse un avvelenato succhiandogli tutto il sangue. L’amore dei MOOSTROO è sommamente carnale, ma è anche gabbia e salvezza, patibolo e luce, una questione di angeli e macellai che al contempo soffoca, incanta, uccide e rasserena.

Per una dolcissima e denudante ballad di folk elettrificato come il primo singolo “Meteora” c’è lo scannatoio elettrico di “Spolpami” e se “Cadavere” ricorda che l’amore cova in sé l’a-morte, “Usura” inveisce contro il denaro che l’amore svuota. Quest’ultima vede la partecipazione di Luca Barachetti (Bancale, Barachetti / Ruggeri) che firma e canta il testo, ospite del disco insieme a Leonardo Gatti che con il suo violoncello amplia la gamma sonora delle tracce, mentre Giuseppe Falco (Le Capre a Sonagli) sparge noise in “Ostinato amore”. Tre contributi che rinforzano un disco febbrile e immediato, con la spigolosità di una favola per adulti che è proprio il contrario di una favola disneyana. Perché alla fine la Bestia MOOSTROO non si trasformerà in un uomo grazie all’amore della Bella, ma certamente quell’amore contrastante e complicato gli permetterà di sopravvivere a sé stesso e al mondo.

moostroomusica1

MOOSTROO – Biografia

Il MOOSTROO nasce nel 2012, da tre ex componenti della patchanka band bergamasca Jabberwocky: Dulco Mazzoleni (voce e chitarra), Francesco Pontiggia (basso) e Igor Malvestiti (batteria). Da subito il “Mostruosus trio” comincia a lavorare su una manciata di brani scritti nei cinque-sei anni precedenti, a cui se ne aggiungono di nuovi. La svolta giunge quando Dulco introduce l’elettrificazione distorta della propria chitarra classica, mentre Franz si affida a un basso a due corde con bottleneck e Igor riduce il set di batteria. Il suono che ne viene fuori è grezzo e poderoso senza diventare muscolare e grottesco. I concerti arrivano subito e con essi anche un primo ep a nome Dulco Klo Charm. Il cambio di nome coincide con la lavorazione del primo vero disco, dal titolo omonimo, coprodotto insieme a Stefano Gipponi de Le Capre A Sonagli e in uscita a marzo 2014. Post-punk, cantautorato intimista e nomade, tensioni funk sono gli ingredienti di un songwriting ironico e beffardo che non disdegna di fare a botte con temi molto seri.

“MOOSTROO” viene ben accolto dagli addetti ai lavori e dal pubblico, anche grazie ai singoli “Silvano pistola”, “Valzerino di provincia” e “Umore nero” (in una versione acustica alternativa realizzata con l’apporto di Leonardo Gatti al cello), tutti presentati tramite videoclip. Il disco riceve i favori di XL Repubblica (che lo presenta in anteprima streaming) e delle principali testate web e cartacee, mentre i brani dei MOOSTROO cominciano anche a diffondersi nell’etere radiofonico. Segue un tour di 67 date, mentre si cominciano a gettare le basi del nuovo lavoro.

“Musica per adulti” esce a novembre 2016 per hashtag. E’ il disco del MOOSTROO che ama e odia, un disco sull’amore per nove brani inediti fra cui il singolo “Meteora” più la versione acustica di “Umore nero”, una manciata di canzoni che testimoniano un suono ancora più abrasivo e in tensione, il classico lavoro della maturità (vedi il titolo), per quanto possa maturare una bestia. Ospiti Giuseppe Falco (Le Capre a Sonagli) e Luca Barachetti (Bancale, Barachetti / Ruggeri) e Leonardo Gatti. Dopo l’uscita del disco il trio parte per un nuovo tour di concerti.

Link

https://www.facebook.com/moostrooband
http://moostrootrio.wixsite.com/moostroo