“Il Fauno”

LE CAPRE A SONAGLI
“IL FAUNO”
(Autoproduzione / #hashtag., 2015)

Data di uscita: 3 marzo
Press kit: comunicato + foto

le capre copertina1

A tre anni da “SAdiCAPRA” (nomination al PIMI 2013) e dopo un tour di oltre 70 date, Le Capre A Sonagli tornano con un nuovo disco che è anche la colonna sonora di un film d’animazione ad episodi: “Il Fauno”. Un disco evocativo e sporco che calpesta il rock tra blues incatramati e un approccio lo-fi. Un concept album formato da quattro suite ciascuna abbinata ad un video in uscita a cadenza regolare. Un lavoro che evoca una manciata di sogni lisergici e narrazioni freak sviluppando un unico macrobrano diviso in quattordici tracce.

Dalla mente de “Il Fauno” nascono fantasmagorie imprevedibili e psichedelici luoghi incantati, densi di personaggi insieme assurdi e reali come il protagonista della storia Joe Koala. Le quattordici tracce del disco sono la colonna sonora di una storia immaginata dalle Capre a Sonagli, che al tempo stesso invitano l’ascoltatore ad una sua personale interpretazione.

In questo modo “Il Fauno” è la soundtrack di un mediometraggio la cui realizzazione è dovuta all’illustratore Dulco Mazzoleni e alla capra Enrico Brugali, mentre la produzione artistica è dell’intero gregge.
Le Capre A Sonagli in questa nuova opera hanno lavorato sulla forza evocativa dei suoni, creando per ciascuna traccia una vera e propria “ambientazione”, ognuna specifica e capace di aprire nuovi mondi e nuove possibilità. Il tutto è stato fatto mescolando stoner, folk, lo-fi, ma anche sonorità tex-mex, rock anni ’90, psichedelia, bluesettoni catramosi e freakerie assortite.

Ne “Il Fauno” ci sono bolle di polverosa psichedelia che esplodono e imbrattano l’ascoltatore (“Ciabalè”), rock-ballad a presa rapidissima come il singolo “Nonno Tom”, acusticherie chiarosculari (“Slow”), languori d’amore in salsa westernata (“Bobby Solo”) e tanto altro. Il risultato è un disco misterioso e lisergico, divertente e giocoso, che invade i luoghi dove viene suonato e trasformerà i live in una vertigine di follia.

“Il Fauno” è il lavoro più maturo de Le Capre A Sonagli. Un viaggio compiuto prima di tutto dalla band stessa per dare al proprio immaginario la forma migliore partendo dai punti di forza di “SAdiCAPRA” e spingendo ancora oltre la propria ricerca.
Insomma un disco che sa ancora più di Capra!

Trama de “Il Fauno”

Il viaggio di Joe Koala viene raccontato e narrato in un saloon d’altri tempi.
Come tutte le storie , che vivono attraverso il racconto, anche questa esiste attraverso il racconto de Il Fauno.
L’ambientazione musicale e imaginifica accompagna Joe in mondi onirici ed ultraterreni…la terra de Il Fauno. L’album è diviso in quattro suite, gruppo di brani con un tema comune. Ogni suite è un immaginario musicale del racconto di Joe Koala.

Prima Suite: PICCOLO DI JOE KOALA
Suite che introduce il personaggio.

Seconda Suite: LA SUITE DEL DEMONIETTO
Joe Koala si incrocia a personaggi del mondo ultraterreno

Terza Suite: …E CI SI BUTTÒ
Immerso nel fluido lisergico ultraterreno

Quarta Suite: LA FUGA DEL CAVALLO DEFUNTO
Joe Koala galoppa nei campi dell’anima.

Il Fauno vuole accompagnare l’ascoltatore in suggestioni personali.

Le Capre A Sonagli1 (foto Alessandra Beltrame)_900x

Le Capre a Sonagli – Biografia

La storia de Le Capre a Sonagli comincia nel 2000 quando, con il nome di Mercuryo Cromo, la band si fa notare suonando con Sick Tamburo, Cisco, Zen Circus, Giorgio Canali e partecipando a concorsi di livello nazionale. In particolare, la vittoria del contest Nuovi suoni live, permette al gruppo di esibirsi con gli Afterhours e dare alla luce il disco “TORMENTA” (Suonovivo / Nautilus con Giovanni Versari).
Dal 2010 la band decide di operare una maggiore sperimentazione a livello compositivo. Il processo porterà alla definizione di una nuova identità: Le Capre a Sonagli vengono presentate ufficialmente il 1° aprile 2011 contestualmente all’omonimo ep.
Il gruppo ottiene subito importanti consensi: ottimi piazzamenti in vari concorsi, una serata in apertura agli Asian Dub Foundation, moltissimi live.
Nell’ottobre 2012, il disco di debutto “SADICAPRA” è in esclusiva streaming integrale su La Repubblica XL, “album del giorno” su RockIt (che presenterà, sempre in esclusiva, anche il video di “CARONTE”). A cascata, arrivano recensioni entusiastiche, passaggi radiofonici importanti, la vittoria della finale lombarda di Arezzo Wave 2013, la nomina nella categoria “miglior autoproduzione 2013″ al premio PIMI.
Nel corso dell’estate del 2014, Le Capre a Sonagli concludono il tour di concerti iniziato a fine 2012: il bilanciere segna un’ottantina di date, su e giù per i palchi di tutta la penisola.
È prevista per marzo 2015 l’uscita del nuovo lavoro discografico: evocativo e sporco, calpesta il rock tra blues incatramati e un approcco lo-fi.
Un disco come unità: organico sviluppo di tracce di un macrobrano. Concept album che evoca in suite sogni lisergici e narrazioni freak, miscelando un condensato eclettico di personaggi e luoghi scordati.

Link

http://www.lecapreasonagli.it