“Il Faro la Tempesta…”

ILARIA PASTORE
“Il Faro la Tempesta la Quiete”
(Tiktalik / Rollover Production – distr. Audioglobe)

Data di uscita: 6 maggio 2016
Press kit: comunicato + foto

ilariapastore

“Il Faro la Tempesta la Quiete” è il nuovo disco della cantautrice Ilaria Pastore, successore dell’esordio “Nel mio disordine”. Sono passati alcuni anni fra i due lavori, ma questo periodo di tempo non ha visto Ilaria stare con le mani in mano. La cantautrice milanese ha infatti suonato le sue canzoni in centinaia di date nel nostro Paese e all’estero, portando le sue doti di cantante e musicista a confrontarsi con gli ambiti più disparati (teatro, musical, classica contemporanea, musica per bambini).

Così questo nuovo lavoro, prodotto da lei stessa con la collaborazione di Gipo Gurrado agli arrangiamenti, presenta un’autrice decisamente in crescita, che è tornata a incidere le proprie canzoni sulla spinta di un’esigenza molto forte e nel solco di un’evoluzione che, rispetto all’opera precedente (ben accolta dalla critica e premiata anche a Musicultura con la targa “Un certain Regard” come miglior performance con il brano “Ora”), è evidente e feconda.

Le nove canzoni de “Il Faro la Tempesta la Quiete” sono nate voce e chitarra, con una particolare attenzione ai testi, alla scelta delle melodie e all’interpretazione. Il songwriting di Ilaria Pastore è facilmente riconoscibile fin dalle prime battute, ma lungo la tracklist viene declinato in molteplici forme e atmosfere differenti, accomunate da una voce che fa rilucere le parole e da arrangiamenti per lo più acustici a base di pianoforte, chitarre, archi, batteria, fiati e cori.

E’ un disco fresco “Il Faro la Tempesta la Quiete”: a volte infila d’ironia con qualche sottile provocazione, altre volte procede su quel mood chiaroscurale che è di chi attende l’alba. Ed è sempre lieve, vicino; si siede accanto a chi ascolta e gli parla, così, semplicemente, con intensità, e con una sua nudità.

Le canzoni sono orecchiabili ma anche ricche di particolari che emergono ascolto dopo ascolto. Non cercano soluzioni astruse o facili poeticherie, ma hanno una loro verità che è comprensibile da subito grazie all’utilizzo di un linguaggio spesso colloquiale e di metafore efficaci che aprono significati ulteriori, mentre a volte il cantato procede con una sua leggerezza quasi d’aforisma.

Allo stesso modo a livello musicale le melodie sono accoglienti, densamente emozionali, mentre gli arrangiamenti lavorano sui brani con quel piglio d’artigiano frutto di lunghe riflessioni sulle scelte da compiere ma anche di improvvisazioni dell’ultimo momento, che hanno dato a tutti i musicisti coinvolti un senso di grandissima appartenenza al progetto. Ed è anche un disco dove, per la prima volta, Ilaria Pastore non ha suonato la chitarra in tutte le tracce ma ha lasciato, come spiega lei, “che fosse la voce la vera protagonista, mentre le mani di altri tessevano la trama attorno a me e alle mie parole. Con fiducia, rischio consapevole e fiero”.

Ha insomma tutte le migliori caratteristiche di un disco di musica d’autore “Il Faro la Tempesta la Quiete”. Anzi: di Musica d’Autrice. Perché è in tutto e per tutto il disco di una donna. “C’è un momento – racconta Ilaria – in cui, nella vita di una ragazza, cambia qualcosa dentro. E’ un clic. Un interruttore si auto posiziona su “on” e sei una donna, da quel momento. E questo ti permette di tirare fuori anche una grossa parte maschile, che secondo me è molto presente in questo lavoro”.

Sarà per tale motivo che, pur così “femminili”, una serie di tracce come queste, nel loro raccontare della necessità di lavorare sul presente, dell’illusione di poter trovare la soluzione fuori di noi, nel loro dire del buio di una relazione sul crinale e del dubbio da cui vorremmo sempre fuggire oppure dell’amore di cui non bisogna avere paura, hanno fin da subito un qualcosa di universale. Perché hanno la capacità di parlare a chiunque dicendo cose vere, “pensieri che sul serio hanno attraversato la mia testa e la mia anima”, portandoci ad essere tutti lì. A cercare un faro, fra la tempesta e la quiete.

ilariapastore2

Ilaria Pastore – Biografia

Ilaria Pastore si muove fra il cantautorato, il teatro, la musica contemporanea, l’insegnamento e gli eventi dedicati ai più piccoli.
In un percorso musicale che ha tutte le fattezze di un albero.

Un albero dalla corteccia curiosa, con la linfa costantemente in cerca di nutrimento e il legno formato di tante striature diverse.

Un albero dalle foglie che sono la voce come mezzo espressivo e strumento. Ma anche la chitarra che suona e risuona, in modo del tutto personale. E poi le parole, le sue e quelle di altri, e il corpo.

Le foglie che la rendono cantante, autrice, musicista, teatrante.
E poi i frutti, così tanti, dalle forme e dai colori diversi.

Ilaria li porta in giro per l’Italia e oltre, in cerca di incontri e umanità, che sono aria, terra, acqua. Vita.

Fa parte del cast di “Modì – l’ultimo inverno di Amedeo Modigliani”, musical d’autore scritto e diretto da Gipo Gurrado, nel quale ha collaborato alla realizzazione degli arrangiamenti vocali, appartenendo al cast in un doppio ruolo e, per la prima stagione, facendo parte anche della band dal vivo. Con questo spettacolo si è esibita a Milano (una settimana di sold-out la prima stagione al Teatro Leonardo da Vinci), Genova, Lugano e in altre città.

Collabora da anni come voce narrante e musicista con l’attore, scrittore e regista Luca Chieregato in uno spettacolo di storia canzone basato sulle fiabe di quest’ultimo, scritte per adulti e bambini. Un progetto che è sfociato nel disco “Storie per crescere, note per sognare” prodotto dal Teatro Pan, che raccoglie cinque fiabe scritte da Luca e le musiche di Ilaria.

E’ inoltre la voce del Tudìp Ensemble, quintetto composto da strumenti per lo più classici (clarinetto e clarinetto basso, violino, fisarmonica, chitarra acustica, voce), che propone un repertorio italiano dagli anni ’20 agli anni ’80, riarrangiato in chiave di musica contemporanea. Il progetto gira fra teatri, house concert e importanti Festival ed è stato inserito anche fra le proposte di musica colta del Teatro San Carlo di Napoli.

Ilaria è inoltre insegnante Aigam (Associazione Italiana Gordon per l’apprendimento musicale), specializzata quindi nell’insegnamento della musica secondo i principi della Music Learning Theory di Edwin E. Gordon, che utilizza voce e corpo in movimento come unici strumenti per il dialogo musicale. Si occupa principalmente della fascia 0-6 anni, per i quali tra l’altro organizza eventi di musica dal vivo, fra cui uno di recente al Teatro Elfo Puccini di Milano.

La sua attività principale è però quella di cantautrice, che l’ha portata ad esibirsi in centinaia di concerti in Italia e all’estero (Francia, Messico, Svizzera, Belgio). Nel 2010 ha pubblicato il disco “Nel mio disordine”, arrangiato e prodotto da lei e dal chitarrista e produttore Gipo Gurrado, in collaborazione con Lucio Fasino e Antonio Fusco.

Al Festival Musicultura del 2013, con il brano “Ora” contenuto nel disco, ha vinto la Targa “Un certain Regard”, come miglior esibizione.

Nel 2016 pubblicherà il nuovo lavoro “Il Faro la Tempesta la Quiete”, prodotto interamente da lei con gli arrangiamenti e la direzione musicale di Gipo Gurrado.

Nove canzoni nate in punta di chitarra che poi hanno incontrato pianoforte, archi, batteria, fiati, cori, con la voce di Ilaria a fare rilucere le parole e le melodie accoglienti, a costruire densità emozionali.

Un lavoro fresco, orecchiabile, che a volte infila d’ironia con qualche sottile provocazione, altrove procede su quel mood chiaroscurale che è di chi attende l’alba. Ma è sempre lieve, vicino; le sue canzoni si siedono accanto a chi ascolta e gli parlano, così, semplicemente, e con una loro nudità.

Musica d’Autrice, più che d’autore, ma capace di dire a tutti con grande intensità.

Link

http://www.ilariapastore.it