“Adesso”

GNAC
“ADESSO”
(Autoprodotto, 2015)

Data di uscita: 9 giugno
Press kit: comunicato + foto

Gnac Adesso

“Adesso” è l’opera prima degli Gnac, quartetto padovano formato da Matteo Concolato (voce, chitarra e testi), Alberto Meggiorin (batteria e glockenspiel), Marco Cristofori (tastiere) e Fabio Gasparini (basso). Un disco lieve e popular, di canzoni d’autore rivestite con abiti multiformi e sgargianti per andare in giro nel mondo. Ma anche un disco beffardamente pensoso, che in quel mondo lascia liberi di muoversi una manciata di brani come sorrisi di scherno contro la stupidità, il vuoto e tutto ciò che non concorre alla felicità dell’essere umano.

Le canzoni degli Gnac nascono dalla penna di Matteo e poi incontrano il laboratorio musicale di Alberto, Marco e Fabio: rock, folk, pop, qualche deviazione prog o punk, qualche passo balcanico, e poi un po’ di jazz e un po’ blues. Ma soprattutto una gran voglia di suoni freschi, accoglienti e festosi, con le tastiere che dettano melodie rotonde, la batteria e il basso che si agitano e fanno muovere i corpi e la voce lingua sciolta che morde e traballa sui versi. Il tutto rigorosamente autoprodotto e in sorprendente evoluzione, come il disegno in copertina ma soprattutto come la vita, che a volte (oppure spesso) fa schifo, ma va vissuta, “Adesso”.

Del resto non si potrebbe chiamare in altra maniera un disco che sembra proprio una presa d’atto del nostro presente, ma senza lamentele e piagnistei, quanto piuttosto con una voglia disincantata di reagire alle situazioni e uscirne più vivi e sereni. Gli Gnac a volte sembrano dei mezzi freak anni Settanta, altre volte stanno in equilibrio sul filo sottile del cantautorato italiano più storto. E in entrambi i casi raccontano le loro vite vissute, gli amori, la precarietà, la politica, il sociale con l’ironia di chi sa che alla fine le cose andranno per il verso giusto, basta restare umani.

C’è una specie di saggezza scanzonata nella musica e nelle parole che gli Gnac utilizzano per raccontare la Padova indie come uno specchio di tutta l’Italia (“K2”), o il “consumanesimo” che ci fa sempre più soli e disperati (“Critica al consumanesimo”), o ancora l’amore che finisce (“Basso consumo”) ma che si può anche vivere con gioia “Nonostante” ciò che ci circonda. Questa positività di fondo è un canto di ringraziamento all’imprevedibilità delle nostre esistenze (“Aria”), alla pazienza che ci vuole (“Pazienza è la vita”), ma pure alla possibilità di cambiare tutto e liberare i propri pensieri. Per tornare “Adesso” ad essere felici.

Gnac band

Gnac – Biografia

Gnac nasce circa nel 2012, quando i testi di Matteo, escono dai vari taccuini di un appartamento per incontrare la musica. Il primo incontro è con Giovanni Miotto, il primo bassista con il quale nasce un primo progetto acustico affiancandolo in un secondo momento alle percussioni di Alessandro Favero. Li nasce Gnac, o meglio la sua forma embrionale alla quale seguiranno diversi abbandoni, prima di Favero e poi di Miotto, e diversi nuovi incontri, il primo di tutti con Mejo (già batterista di Camera del Panico) per l’esigenza di riempire la sezione ritmica, di cercare un suono più forte, un suono diverso. Questo incontro è fondamentale e decisivo perchè da origine a un nuovo modo di vedere e credere nel progetto. Dopo l’uscita di Miotto e Talin (chitarrista entrato e uscito in breve tempo) gli Gnac restano in due (registrando il primo EP – Luna Park – 2012) fino all’arrivo di un vecchio amico di Mejo, Marco Cristofori alla tastiera. Questa nuova entrata segna una nuova direzione nel gruppo che però sente la mancanza di una base ritmica più decisa e quindi va a pescare dalle ceneri degli Amamao (altra interessante band padovana appena sciolta) Fabio Gasparini al basso. Ora gli Gnac sono al completo, nuovo suono, nuova energia e nuove idee che li spingono a chiudersi in sala prove a preparare il primo album. Nel frattempo tanti live in giro per l’Italia e qualche apertura importante, come quelle a Giorgio Canali, Ex-Otago e The Zen Circus.

Link

http://www.gnac.it
https://soundcloud.com/gnac-1
https://www.facebook.com/gnacband
http://gnac.bandcamp.com